giovedì, febbraio 14, 2008

UN CAMPIONE CONTRO IL DESTINO

Premetto subito che non provo una simpatia smodata per Ronaldo, complice il suo passato all'Inter e, soprattutto, le sue continue dichiarazioni livorose verso la Juva, ma ieri sera mi sono davvero angosciato.

Entrato in campo nel secondo tempo per aiutare il Milan a vincere una partita che lo vedeva sotto per 1 a 0 a San Siro contro il Livorno, si procura subito il rigore del pareggio per una fallo di mano di Knezevic, ma nell'occasione si rompe nuovamente. Sempre il tendine rotuleo del ginocchio che parte, smepre il destino che si accanisce su questo incredibile campione. Ma stavolta potrebbe essere diverso.

Ormai si è capito chiaramente che si tratta dello stesso infortunio che l'ha messo fuori causa per 2 anni ai tempi dell'Inter, ovvero la frattura totale del tendine rotuleo. Il destro (per due volte) allora, il sinistro oggi. La differenza sta nell'età: allora nel fior fiore della giovinezza ha recuperato, sebbene le ricadute fisiche siano state frequenti, oggi difficilemnte il suo debole fisico glielo permetterà. Spero di essere smentito, ma ho la netta sensazione che non lo vedremo più calcare un campo di calcio, almeno ad altissimi livelli.

Il calcio mondiale sta per perdere uno dei suoi più grandi interpreti, sicuramente il più sfortunato. A lui, alla società rossonera e ai milioni di suo sfegatati fans vanno i miei più sinceri auguri di pronta guarigione e la speranza che l'infortunio si riveli meno pesante di quanto ipotizzato.

Tutti (juventini compresi, ne sono certissimo) ti vogliamo ricordare così....




piuttosto che così....



Ti aspettiamo per deliziarci ancora con le tue magie, sfortunatissimo Fenomeno!

3 commenti:

roberto ha detto...

Anche se non è il caso di polemizzare, mi preme far notare a chi ironizzava sulle recenti paure di Ronaldo (in primis gli interisti) che il Fenomeno aveva ragione! Evidentemente sentiva un fastidio e temeva per l'incolumità del ginocchio, poi il suo amore per il calcio giocato e la fretta del Milan d rivederlo in azione lo hanno convinto a scendere in campo. Secondo me, data anche la sua età, è finita una carriera purtroppo per lui in chiaroscuro, durante la quale non ha raccolto tutto ciò che un talento del suo calibro si merita (tra l'altro ha avuto la sfortuna di giocare nell'Inter, dove si è infortunato gravemente la prima volta e dove non ha vinto quasi nulla in quanto attorniato per lo più da bidoni).
Che sfiga!

Anonimo ha detto...

RONALDO è il calcio...ieri ho visto l'infortunio in diretta e mi sono incazzato. Come quando si infortunò in Lazio-Inter...la colpa non è sua o del suo fisico che cmq è delicato, ma della società e dell'allenatore che gli hanno imposto di giocare, ieri come allora...
Qui si parla di uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi, ucciso dagli infortuni causati dalle società (milanesi) e dai "trattamenti eccezionali" subiti ai mondiali del 98 dalla sua nazionale...

Mirko ha detto...

Non posso che concodrare



juve

juve/


NON UN EURO ALLA GAZZETTA!!!

Example