venerdì, ottobre 31, 2008

CHE SCHIFO!!!

31/10/2008 (8:2) - INTERVISTA AL FIGLIO DELL'UOMO COLPITO A BOLOGNA
"Mio padre a terra nel sangue
mentre mi prendevano a calci"
L'aggressione è avvenuta a pochi metri dall'auto

«Chiedevo aiuto ma ci insultavano perchè avevo la sciarpa della Juve»
EMANUELE RIGHI
BOLOGNA
G.M. ha 15 anni. E’ seduto su un seggiolino di formica nella sala d’attesa del reparto di rianimazione dell’ospedale Maggiore di Bologna. Una porta a vetri che si apre solo dall’interno, e dopo aver suonato un campanello, è il fossato che lo divide dal padre tenuto in coma farmacologico e in prognosi riservata: è stato colpito da un pugno con una pietra in pieno volto. La colpa: tifare Juventus a Bologna.

Che cosa è successo?
«Mancavano pochi minuti alla fine della partita e con mio padre e un nostro amico abbiamo deciso di uscire dal settore distinti del Dall’Ara. Dovevamo tornare a Modena, dove viviamo, e volevamo evitare il traffico. Mentre uscivamo, un uomo, sulla trentina, mi ha detto di levarmi la sciarpa della Juve: “Ti conviene farlo”».

E tu?
«Gli ho mostrato due dita per ricordargli il risultato. Lui ha preso il telefonino dicendomi che me l’avrebbe fatta pagare. E’ come se avesse voluto avvisare qualcuno».

Poi che cosa avete fatto?
«Abbiamo percorso la strada che fiancheggia lo stadio Dall’Ara per tornare all’auto. Ci siamo immessi in una strada poco illuminata assieme a tante altre persone».

Tutto normale quindi?
«No, perché continuavano tutti a offendermi. Vedevano la sciarpa e me ne dicevano di tutti i colori. Io rispondevo a tono, ma non pensavo potesse succedere quello che è successo appena siamo entrati in quella strada. Mi hanno strappato la sciarpa da dietro mentre altri mi davano dei buffetti sulla faccia minacciandomi».

Come hanno reagito tuo padre e il vostro amico?
«Il mio amico era bloccato dalla paura, mentre mio padre si è messo in mezzo per difendermi. Quando mi hanno strappato la sciarpa tutto è precipitato in un attimo: una persona si è avvicinata a mio padre e lo ha colpito al volto con una pietra. Lui è stramazzato a terra, immobile».

Che cosa hai fatto?
«Non ho capito più nulla. Mio padre era per terra, sanguinava. Mi sono chinato su di lui, cercavo di parlargli e attorno a me la gente continuava a offenderci. Mentre ero chino su di lui ho preso anche dei calci da quelli che passavano».

Nessuno si è fermato per aiutarvi?
«Sembravano degli animali. Mio padre era privo di sensi, io urlavo e attorno a me la gente ci insultava».

Poi che cosa è successo?
«Sono passati circa venti minuti, poi ho deciso di lasciare mio padre lì per terra, con il mio amico sconvolto a vegliarlo, e di correre a chiedere l’intervento di una pattuglia. Solo una persona in quei momenti mi abbracciava e mi ripeteva di stare calmo. Uno sconosciuto che poi è sparito».

Dove hai passato la notte?
«Due poliziotti sono venuti a prelevare in ospedale me e il mio amico. Ci hanno fatto vedere fotografie e filmati fino alle 5 del mattino. Speravano che riuscissimo a riconoscere i responsabili del pestaggio. Credo che abbiano dei sospetti su qualcuno. Il mio amico ricorda bene la faccia di chi ha colpito mio padre».

Come sta tuo padre?
«Oggi sciolgono la prognosi. Non è in pericolo di vita».

Cos’è per te il calcio?
«Era un sogno. L’attesa per poter vedere la Juventus a Bologna è stata emozionante. Ho sempre pensato a uno stadio pieno di famiglie. Quello che è accaduto, per colpa di quei vigliacchi, mi fa chiedere di chiudere gli stadi. Le partite si giochino senza pubblico: chi vuole, se la guardi in tv. Le mie passioni sono la Juve e le ragazze. Avevo la sciarpa bianconera appesa al muro di camera mia. Me l’hanno hanno rubata, ora se la possono tenere. Mi interessa soltanto che mio padre guarisca. Ha rischiato di morire e ancora non riesco a capire perché».


La vera colpa è di voi gionalisti bastardi che avete alimentato l'odio e avete reso legale la caccia allo juventino!

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Ste cose sono scandalose, ma non capitano solo a Bologna, anzi...
Napoli dovrebbe essere rasa al suolo,Roma dovrebbe sparire, Verona implodere, Brescia e Bergamo uguale, Catania, palermo, Genova...avete presente?
Il fatto che sia successo ad uno juventino non significa che merita giustizia solo lui...quando si scrivono certe cose bisognerebbe essere più obbiettivi...
Lo so però che per voi gobbi l'obbiettività è ancora un mistero...

Mirko ha detto...

Questo qui mi fa incazzare. Ma segui i discorsi scritti o leggi solo quello che ti interessa?

Nell'ultimo anno sono successi alcuni episodi di violenza e TUTTI caratterizzati dalla caccia allo juventino, come ad esempio il caso Sandri, il tifoso del Parma morto all'autogrill, quello accaduto la settimana scorsa a Torino per il derby e mercoledì scorso. Questo clima è stato alimentato dai media e tali escrementi si sentono autorizzati ad agire così.

Servirebbero i lavori forzati a vita per questi bastardi e lo direi (e l'ho detto) anche se fosse capitato a tifosi delle altre squadre.

Caro anonimo, il bavoso sei tu, non certo io.

Ma pensa te cosa mi tocca leggere....

Anonimo ha detto...

Questo clima è stato alimentato dai numerosi anni di partite rubate dalla juventus, ma tanto a voi non ve ne fregava niete, l'importante era solo vincere...la colpa è solo vostra cari gobbi...

Mirko ha detto...

Quindi va bene picchiare o peggio uccidere le persone. Bravo!

Nagash ha detto...

Quando leggo certi commenti di anonimi mi viene da vomitare, concordo con Guidolin quando espresse un bel concetto su Bologna........

Anonimo ha detto...

non va bene picchiare le persone, ma chi tifa juventus dopo tutto quello che ha fatto questa squadra dovrebbe stare zitto su certi argomenti...



juve

juve/


NON UN EURO ALLA GAZZETTA!!!

Example